SELECT id FROM dike_abbonati_digit WHERE rid='1' AND status = '1' AND uid='' AND acc_data <= CURDATE() AND sca_data >= CURDATE()
Amministrazione giudiziaria di imprese sottoposte a sequestro preventivo e legittimazione all’assunzione di impegni negoziali: sull’interpretazione dell’art. 41 del Codice antimafia in relazione ai contratti di avvalimento di Valeria Aveta

Cons. Stato, Sez. V, 17 novembre 2020, n. 7134

In una impresa sottosta a sequestro preventivo ai sensi dellart. 41 del d.lgs. 159/2011, è legittimato alla sottoscrizione di un contratto di avvalimento il  legale rappresentante della società nominato dall’assemblea dei soci (e non l’amministratore giudiziario), in quanto il sequestro non determina la modificazione del contratto di società o la sostituzione degli organi della persona giuridica, la quale rimane in vita e viene semplicemente privata del potere di gestire la sua azienda. Pertanto, lamministratore giudiziario non può che affiancarsi all’organo amministrativo, cui spetta il compito di preservare la funzionalità della persona giuridica, senza sostituirsi ad esso.

 

 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi