Cons. Stato, sez. V, 22 ottobre 2018, n. 6006

1. Sulla portata escludente delle clausole di un bando di gara prevale sempre un criterio oggettivo;

2. Negli appalti pubblici la determinazione della base d’asta è espressione di discrezionalità tecnica;

3. Le consulenze e le verificazioni nel processo amministrativo non sono da considerarsi mezzi di prova,ma mezzi di valutazione della prova.

 

 

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi