Corte di giustizia, sent. 30 gennaio 2020, causa C-395/18, TIM SpA c. Consip SpA e a. (ECLI:EU:C:2020:58).

1.        L’art. 57 della direttiva 2014/24/UE non ha come obiettivo l’uniformazione dei motivi di esclusione a livello dell’Unione, poiché, al contrario, tale disposizione lascia un certo margine di discrezionalità agli Stati membri, che hanno la facoltà di non applicare tali motivi o di integrarli nella normativa nazionale con un grado di rigore che può variare a seconda dei casi, in funzione di considerazioni di ordine giuridico, economico o sociale prevalenti a livello nazionale.

2.         L’art. 57, par. 4, della direttiva 2014/24/UE sugli appalti pubblici, relativo ai motivi facoltativi di esclusione dalle procedure di affidamento, non osta ad una normativa nazionale che stabilisca l’obbligo di escludere un operatore economico, qualora nei confronti di uno dei subappaltatori menzionati nell’offerta sia constatata la violazione delle norme in materia di accesso al lavoro dei disabili (legge n. 68 del 1999).

3.         L’automatica esclusione dell’operatore economico, prevista dall’art. 80, comma 5, lett. i), del codice dei contratti pubblici, per una violazione della normativa sull’accesso al lavoro delle persone disabili, viola il principio generale di proporzionalità e l’art. 57, par. 6, della direttiva 2014/24/UE, perché priva l’amministrazione aggiudicatrice di qualsiasi margine di discrezionalità, ed impedisce all’operatore economico di dimostrare la propria affidabilità, anche attraverso il ricorso a misure di self cleaning.  

(1) In senso conforme: per analogia, v.: Corte giust., sent. 20 dicembre 2017, causa C-178/16, Impresa di Costruzioni Ing. Mantovani, EU:C:2017:1000, p. 31 e s.; sent. 14 dicembre 2016, causa C‑171/15, Connexxion Taxi Services, EU:C:2016:948, p. 29.

(2) Non constano precedenti in termini.

(3) In senso conforme: per analogia, v: Corte giust., sent. 26 settembre 2019, causa C-63/18, Vitali, EU:C:2019:787, p. 42 e s.; sent. 13 dicembre 2012, causa C-465/11, Forposta, EU:C:2012:801, p. 34 e s.; sent. 19 maggio 2009, causa C-538/07, Assitur, EU:C:2009:317, p. 30.

Abbonati per continuare a leggere

Un anno di abbonamento a soli 89.90 €

Sei già abbonato? Accedi